La neve non è solo spettacolo di panorami mozzafiato e divertimento per i bambini. In un territorio come quello Vesuviano, non abituato ad eventi simili, sono infatti tanti i disagi che rischiano di provocare anche tragedie. Notevoli difficoltà, in tal senso, stanno incontrando le persone che si stanno recando da stamattina nell’ospedale di Boscotrecase, a causa della neve che è caduta, anche a quote basse, sul Vesuvio.

«Tre centimetri di neve hanno bloccato l’accesso all’ospedale di Boscotrecase, una struttura che serve decine di migliaia di persone, e nessuno provvede a inviare un po’ di sale», denuncia un familiare di un paziente ricoverato nell’ospedale. «C’è gente disperata, bloccata in auto, che chiede aiuto – dice ancora Antonio D’Errico, che da ieri sera è al capezzale della suocera ricoverata – e anche le ambulanze sono difficoltà».

Intanto si registrano i primi incidenti anche sulla Statale 268 dei Paesi Vesuviani, diventata una lastra di ghiaccio dopo la neve caduta nella notte e con i fiocchi che continuano a precipitare. Un tir che trasporta sostanze chimiche è finito fuoristrada a causa del manto stradale viscido: per fortuna nessuna conseguenza, ma viene raccomandata massima attenzione.

neve disagi