“Kiss Me Day”, la pornodiva di Pompei Valentina Nappi madrina della lotta all’omofobia


817

Stamattina al Kiss Me Day a cui hanno partecipato decine di ragazzi e ragazze, etero, gay e lesbiche uniti per urlare un secco no all’omofobia che in questi ultimi giorni sta sconvolgendo una città tradizionalmente e culturalmente tollerante come Napoli.



Pochi giorni fa il grave episodio, proprio a piazza Dante, dove due ragazzi gay sono stati aggrediti e malmenati per la “colpa” di essersi scambiati un bacio. Tra i presenti la pornodiva Valentina Nappi che accompagnava Giampietro Belotti, il ragazzo di Bergamo che ad ottobre durante il presidio delle Sentinelle in Piedi di Bergamo aveva protestato silenziosamente leggendo un libro vestito da “nazista dell’Illinois” (divisa resa famosa dal film “The Blues Brothers”) che gli è costata anche una denuncia per apologia al fascismo, Francesco Emilio Borrelli dell’esecutivo nazionale dei Verdi, il consigliere della II Municipalità Pino Di Stasio, l’ex assessore comunale Pina Tommasielli, gli antispecisti partenopei, Patrizia Cipullo del comitato pendolari della Cumana.

Intorno alle 11 presenti si sono scambiati un bacio e molti hanno impugnato grossi cartelli di protesta e si sono baciati tra loro. «A parole tutti sono contro l’omofobia – commenta Francesco Emilio Borrelli – ma nei fatti una certa “cultura” violenta e intollerante è molto presente anche in una città storicamente aperta come Napoli. Per questo è importante ribadire ogni volta la solidarietà a chi subisce aggressioni fisiche o verbali solo per il proprio orientamento sessuale».

valentina nappi

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE