Solo cinque consiglieri comunali presenti: un vero e proprio flop, insomma, il proseguimento del consiglio comunale di Terzigno convocato per lunedì primo dicembre in serata. Restava infatti da discutere l’ultimo punto all’ordine del giorno della seduta consiliare di giovedì 27 novembre, quando l’argomento venne rimandato proprio perché in aula non c’era più il numero legale.

Così l’aggiornamento è stato fissato per lunedì sera, dimenticando però la sfida del Napoli a Genova contro la Sampdoria, una partita calcistica importante dal punto di vista della corsa verso la Champions League. E nemmeno a dirlo l’assemblea è andata deserta, nonostante all’ordine del giorno ci fosse la discussione su presunti sprechi da parte del Comune terzignese. L’interrogazione era di Antonio Pisacane, consigliere appena fuoriuscito dalla maggioranza insieme ad Antonio Vaiano, esponente de “La Destra”. In sostanza, Pisacane imputa alla Giunta uno spreco relativo alla realizzazione del futuro mercato cittadino che secondo i piani sorgerà su uno spazio dismesso delle Ferrovie dello Stato.

Un tratto di territorio per cui il palazzo municipale pagherà un canone annuo di fitto, quando invece – spiega proprio Pisacane – molti Comuni ottengono i suoli da Rfi dietro un accordo di comodato d’uso gratuito. Insomma, secondo il consigliere l’Amministrazione di Terzigno avrebbe potuto muoversi meglio evitando la spesa annuale che finirà nelle casse delle Ferrovie.

comune-terzigno