Un caso simile a quello della Gori nell’area vesuviana si è registrato in Sardegna, dove appena questa mattina una sentenza del Consiglio di Stato ha annullato le fatture emanate dalla Aato, che eroga il servizio idrico in alcune aree della regione isolana, proprio perché retroattive.

Una sentenza che potrebbe dunque riproporre il medesimo schema anche per quanto riguarda la Gori e le sue fatture “ante 2012” che da mesi stanno spezzando il sonno di decine di migliaia di cittadini a cui sono giunti pagamenti anche di mille euro.

Al momento la situazione è congelata per i tavolo aperto tra la società ed i Comuni, ma il 28 dicembre scade lo stop e da quel momento i Comuni ed i cittadini potrebbero rivolgersi al Consiglio di Stato per ottenere la stessa sentenza emanata in Sardegna.

gori