Giù i cinque grossi alberi in piazza Quattro Novembre a Sant’Anastasia: motivi di pubblica sicurezza, fa sapere il sindaco Raffaele Abete, che così intende evitare improvvisi crolli sotto le sferzate dei venti e delle bombe d’acqua che continueranno ad abbattersi durante l’autunno e l’inverno.

Insomma, prevenzione che tuttavia divide la città: c’è infatti chi plaude all’iniziativa vista anche la paura dello scorso anno quando un pino si era abbattuto in strada, e chi invece protesta per l’affetto nutrito verso quei pini installati 65 anni fa nel cuore di Sant’Anastasia.

«Metteremo delle aiuole al posto degli alberi – spiega il primo cittadino – o ancora proveremo a trovare qualche fusto più resistente anche ai fenomeni atmosferici».

pini abbattuti