Rapporti con la camorra, sequestrati 165 milioni in beni di lusso ad un imprenditore


190

Beni per 165 milioni di euro, fra i quali 92 immobili, un hotel, sedi aziendali, una villa con piscina, una Ferrari e una Porsche, sono stati sequestrati dai Carabinieri di Napoli e di Castello di Cisterna su disposizione della Dda. I beni – per gli investigatori – sono riconducibili a un imprenditore del Napoletano indagato per estorsione e trasferimento fraudolento di beni in concorso con altre nove persone.



Le società erano intestate a prestanomi e – per l’accusa – avevano rapporti economici con personaggi al vertice di clan di camorra. I Carabinieri hanno eseguito un decreto di sequestro emesso dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Napoli e convalidato dal gip del Tribunale del capoluogo campano. Oltre a immobili, aziende e auto, sono stati sequestrati rapporti finanziari e bancari e società.

Nelle indagini – si è saputo dai Carabinieri – il Nucleo investigativo di Castello di Cisterna ha ricostruito il tenore di vita sproporzionato dell’imprenditore e i rapporti che hanno consentito di ricondurre a lui le società sequestrate, risultate intestate a prestanomi e in rapporti economici con personaggi al vertice di sodalizi camorristici attivi in provincia di Napoli.

sequestro

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE