Estradato dalla Spagna “Peppe ‘o Squalo” ritenuto a capo di un’organizzazione sgominata nel 2011 e che importava droga dai paesi iberici per rivenderli nell’area boschese e nell’Agro-Salernitano. Giuseppe Alfano, il vero nome dell’uomo, era detenuto in Spagna per altri motivi.

Stamane la Guardia di Finanza di Salerno e la polizia criminale, che curano l’indagine, hanno ottenuto il trasferimento in Italia del 38enne originario di Scafati. Stessa sorte toccò al fratello Emilio che venne rintracciato in Olanda sotto falso nome durante la sua latitanza.

L’operazione “Carpe Diem” portò a 35 misure cautelari a causa del traffico internazionale di marijuana e eroina e cocaina. Alfano ora dovrà rispondere dei reati di traffico di sostanze stupefacenti, al falso monetario ed estorsione, nonché al porto abusivo e detenzione di armi.

alfano squalo