I Finanzieri del Nucleo mobile del Gruppo di Aversa hanno arrestato un cittadino di nazionalità italiana, T.A. di 56 anni, originario di Cimitile, sorpreso a nascondere sigarette di contrabbando nella propria attività commerciale.

Le Fiamme Gialle, in servizio di pattugliamento nella zona compresa tra le province di Caserta e Napoli, hanno intercettato un furgone e un autocarro Iveco in transito sull’asse stradale ad alta percorrenza Nola – Villa Literno, in direzione Nola, sospettati di trasportare merce illecita. Gli automezzi sono stati seguiti fino a Cimitile, comune del napoletano, all’interno di un’area commerciale in disuso destinata in passato al confezionamento di ortaggi. La successiva attività di osservazione ha consentito di rilevare un anomalo andirivieni di veicoli dalla predetta area commerciale e, pertanto, i finanzieri hanno deciso di intervenire ed eseguire un’accurata ispezione.

All’interno del comprensorio sono stati rinvenuti i due mezzi parcheggiati colmi di sigarette di contrabbando e un deposito destinato allo stoccaggio di tabacchi lavorati esteri. In totale, le sigarette trovate sono state quantificate in oltre 3,5 tonnellate che, qualora immesse sul mercato clandestino, avrebbero fruttato più di 450 mila euro.

Il notevole quantitativo di tabacchi, i due automezzi e l’area commerciale di 2.000 metri quadrati sono stati sequestrati e, così come disposto dalla Procura della Repubblica di Nola, T.A., proprietario dell’immobile, è stato arrestato e portato ai domiciliari.

sigarette contrabbando finanza