Commissione Pari Opportunità dell’Ordine degli avvocati di Nola e comune di Somma Vesuviana insieme contro la “violenza sulle donne”. Quest’oggi la giunta guidata dal sindaco Pasquale Piccolo ha varato il progetto “Amore Inviolato” con il quale porterà nelle scuole della cittadina sommese temi che andranno dall’omofobia al bullismo, passando per le discriminazioni inerenti ad alcune forme di disabilità (autismo, dislessia, sindrome di Down) e fino alla violenza sulle donne.

«Volevo ringraziare la Commissione delle Pari Opportunità dell’Ordine degli avvocati di Nola e le scuole del territorio che hanno mostrato sensibilità verso temi tanto delicati quanto complessi ed attuali – afferma il sindaco Pasquale Piccolo – Oggi come amministratori abbiamo il dovere di seminare, insieme agli operatori che a vario titolo si occupano di formazione, una nuova cultura al rispetto dell’altro nelle giovani generazioni. Progetti ambiziosi come quelli che abbiamo sottoscritto danno l’idea di quanto questa amministrazione punti sui piccoli cittadini che crescono», conclude il primo cittadino. A spiegare il progetto è Gaetano Di Matteo, assessore alle Pari Opportunità dell’Ente di Palazzo Torino: «L’idea progettuale messa in campo è quella di una serie di seminari, curati da esperti del settore accreditati presso il Tribunale di Nola, itineranti all’interno degli istituti scolastici. I temi varieranno a seconda delle esigenze dei vari plessi. L’Amore Inviolato cade proprio a 24 ore dalla giornata mondiale contro la violenza sulle donne e come Ente eravamo obbligati a mettere in campo un’iniziativa concreta per aderire non solo idealmente alla lotta contro questa piaga sociale».

Anche Elena Terraferma, assessore alla Pubblica Istruzione, interviene sull’argomento: «Il coinvolgimento delle scuole del territorio al progetto l’Amore Inviolato è fondamentale in quanto le tematiche affrontate sono alla base del rispetto reciproco tra gli abitanti di una comunità. Partire dagli alunni delle scuole – prosegue la Terraferma – è necessario affinché si costruisca nella nostra città una rete di prevenzione rispetto a determinati reati e disagi. Non basta più intervenire con la repressione, ma serve costruire una nuova coscienza civica», conclude il titolare all’Istruzione. La presentazione del progetto si terrà domattina alle 10 presso la Sala Consiliare del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Nola.

violenza