«Stare nella “zona rossa” deve essere visto come un vantaggio e non con disdoro o come una iattura». Lo ha detto il capo del Dipartimento di Protezione civile, Franco Gabrielli, che a Pozzuoli ha partecipato all’inaugurazione del Centro operativo comunale di protezione civile.

«Il sistema di protezione civile – ha spiegato Gabrielli – garantisce al momento opportuno una serie di vantaggi. Ad esempio siamo riusciti a far sottoscrivere al presidente del Consiglio un decreto che cristallizza la zona rossa del Vesuvio, sacramenta i gemellaggi e stabilisce inequivocabilmente che, quando ci sarà un problema sul territorio, questo sarà a carico dell’intera collettività nazionale».

Parlando nel corso dell’inaugurazione, Gabrielli ha aggiunto: «Qui siamo in un luogo in cui il rischio c’è e del quale bisogna avere consapevolezza. Una volta era un merito per un sindaco far uscire il suo comune dalla zona a rischio. L’approccio deve essere diverso. È vero che questi territori non possono avere ulteriori forme accentuate di antropizzazione, ma va seguita comunque la logica di dare servizi e prospettive di sviluppo alla comunità».

vesuvio allarme