Festa dello Stoccafisso e del Baccalà norvegese: a Somma è tutto pronto


379

La tradizione della Festa dello Stoccafisso e del Baccalà norvegese continua. La pro loco “Vesuvia”, le associazioni “La Voce del Territorio” e “Villa Summa”, in collaborazione con l’azienda Scanfish, inaugurano la XIII edizione all’agriturismo “La Cortigiana del Re”, in zona Rione Trieste, con il patrocinio di: Regione Campania, Comune di Somma Vesuviana, Ente Parco Nazionale del Vesuvio, Confcommercio Giovani Imprenditori e PMI Italia International.



Ieri mattina, nella sala principale della location della Festa, si è tenuto un incontro con le scuole all’attenzione di due ospiti d’eccezione: Gian Paolo Orlandi, amministratore unico della Monteverde&Vallese di Genova e addetto alle Public relations con la Norvegia; Dino Verso, rappresentante degli esportatori norvegesi per conto di diverse importanti aziende. Accanto a loro, Angelo Papi, docente di Filosofia del liceo scientifico “E. Torricelli” insieme agli studenti, che hanno avuto l’opportunità di confrontarsi con esperti nel campo della produzione di stoccafisso e baccalà. «Prosegue così un percorso di ricerca – sottolinea Papi – intrapreso con il progetto Filoso-fare in-Somma!, un lavoro di progettazione di cui gli studenti saranno protagonisti, sotto la guida dei docenti del Dipartimento di Storia e Filosofia del Liceo Torricelli». Filoso-fare in-Somma! si propone di attivare un canale di scambio con la Norvegia nel segno della filosofia. Sulle orme del filosofo Ludwig Wittgenstein, che cercava nei fiordi del paese scandinavo la tranquillità per pensare, gli studenti del liceo Torricelli vorrebbero gettare le basi di un futuro gemellaggio con realtà scolastiche della Norvegia.  Reduci da un primo workshop, tenutosi il 26 novembre e dedicato alle “Donne del Casamale”, propongono di realizzare un centro di documentazione che inizi a raccogliere le testimonianze del genio imprenditoriale e gastronomico sommese. Video realizzati all’interno dell’azienda Scanfish, leader nel settore della trasformazione e commercializzazione dei prodotti della pesca da oltre 70 anni, allo scopo di documentare i processi di lavorazione del merluzzo nordico. Interviste rivolte a giovani, adulti e anziani di Somma Vesuviana sul grado di conoscenza locale del prodotto norvegese abitualmente consumato.

Particolarmente attento, Orlandi ha sottolineato che «Il progetto degli studenti del Torricelli è sicuramente un modo moderno per pubblicizzare un prodotto antico. Nell’area italiana e norvegese c’è grande attenzione per lo sviluppo di sistemi informatici finalizzati allo sviluppo di articoli tradizionali.”

Per Verso “è evidente, dalle informazioni raccolte dagli allievi, che stoccafisso e baccalà siano più apprezzati dalle vecchie generazioni. L’augurio è che con il supporto delle famiglie la cultura e la consumazione del prodotto nordico possa essere maggiormente esteso ai giovani. Ben vengano iniziative di gemellaggio con realtà scolastiche norvegesi».

Giornata ricca di curiosità sull’affermazione dello stoccafisso e del baccalà proprio in alcune regioni d’Italia come Campania, Sicilia, Calabria, Liguria e Veneto. In Trentino Alto Adige o in Valle D’Aosta stoccafisso e baccalà sembrano quasi sconosciuti. Non si tratta ovviamente di un caso, c’è una motivazione storica: le Repubbliche Marinare utilizzavano il merluzzo nordico lavorato nei due diversi modi come merce di scambio. L’incontro ha avuto inizio con Il coro dei “Piccoli cantori”, orgoglio del 1° Circolo didattico “R. Arfè”. L’inno nazionale italiano ha preceduto quello del Regno di Norvegia. Nella sala allestita con disegni realizzati dai bambini nel periodo di attesa della Festa, i piccoli alunni hanno donato agli ospiti tre simboli rappresentanti la cultura e la tradizione sommese: la pietra lavica del Vesuvio, l’uva catalanesca e una piantina della città di Somma Vesuviana. Infine, diretti ancora una volta dal maestro Boccia, hanno cantato “’O Surdato ‘nnammurato” e “Muntagna ‘e stu core”. Presenti Carla Mozzillo, dirigente scolastico del 1° Circolo didattico, Maria Di Fiore, docente vicaria, e le maestre Marcella Canfora (scuola primaria) e Maria Monzione (scuola dell’infanzia).

Incontro scuole

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE