Eccellenze vesuviane, il “President” di Pompei conquista la stella della Guida Michelin


274

«Quattro nuovi ristoranti stellati per la Campania. Un grande successo che coniuga territorio ed eccellenze». È quanto sottolinea Fulvio Martusciello, delegato alle Attività produttive della Campania. «Il flauto di Pan a Ravello, Mammà a Capri, il President a Pompei e il Relais Blu a Massa Lubrense – dice Martusciello – dimostrano come si possano coniugare i nostri grandi attrattori turistici e culturali con le eccellenze alimentari. Questa è la strada che la Regione Campania ha scelto e che la vedrà nei prossimi mesi protagonista a Parigi e Stoccolma».



Il prestigioso riconoscimento per il ristorante in piazza Schettini è giunto questa mattina a Milano quando è stata presentata la nuova guida che ha appunto attribuito una stella al locale di Pompei. Per il resto nessuna nuova terza stella in regalo per le nozze di diamante fra la Guida Michelin e l’Italia: la sessantesima edizione presentata conferma gli 8 tre stelle del 2014, ma sono molte le novità. Sono 27 i nuovi ristoranti a ricevere una stella, specie in Toscana e Campania. Si aggiungono due nuovi ristoranti a due stelle: Il Piccolo Principe di Viareggio guidato dallo chef Giuseppe Mancino, e la Taverna Estia di Francesco e Armando Sposito a Brusciano.

«Non possiamo fabbricare le stelle – dice a margine Michael Ellis, direttore internazionale delle Guide – ma l’Italia resta una delle destinazioni gastronomiche più dinamiche al mondo». Con i suoi 332 ristoranti stellati, l’Italia si conferma infatti secondo paese al mondo per quantità di riconoscimenti Michelin, mentre nella classifica di donne stellate in cucina l’Italia è al primo posto (47 stellate su 110 nel mondo). Accanto alla guida, in arrivo da domani nelle librerie, Michelin lancia dal 7 novembre anche un’app gratuita.

president

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE