Consiglio comunale a Striano, prevista una pioggia di interrogazioni

49

Si terra domani giovedì 6 novembre alle 19 in seduta ordinaria in prima convocazione un altro importante consiglio comunale a Striano. L’assise consiliare segue di qualche settimana i “primi 100 giorni” dall’insediamento della Giunta del sindaco Aristide Rendina. Tanti sono i punti all’ordine del giorno della convocazione.



Uno riguarda la ratifica della delibera di Giunta in merito alla variazione al Bilancio di previsione 2014  e a quello pluriennale 2014-2016. Un altro punto concerne la modifica e l’integrazione della delibera consiliare numero 30 del 4 ottobre 2013 di approvazione del regolamento comunale per l’espletamento delle attività di autorizzazione dei progetti, ai fini della prevenzione del rischio sismico, nonché alle connesse attività di vigilanza. Inoltre durante il prossimo consiglio sarà conferita la cittadinanza onoraria al medico Nicola Massimo Trinchese dirigente dell’Uopc Asl Napoli 3 Sud di Poggiomarino. Ma probabilmente il momento assembleare di giovedì sarà ricordato come il primo, vero, importante confronto politico tra la maggioranza e il gruppo consiliare di opposizione. Diverse infatti sono le  interrogazioni all’ordine del giorno presentate in particolare dai consiglieri di minoranza Vincenzo Coppola e Alfonso Serafino, di cui alcune idee sono state riprese dalle proposte di Idea Comune in consiglio con Luigi Gatti. Il primo ha avanzato delle interrogazioni riguardanti l’adesione al manifesto dei sindaci contro il gioco d’azzardo, ma anche in merito alla rideterminazione parziale dell’area Pip. Curiosità verte anche sull’interrogazione dello stesso Coppola per l’introduzione delle figure dei Custodi Urbani.

Il consigliere Serafino chiederà invece in consiglio spiegazioni sul servizio sociale a domicilio – a suo dire – completamente assente da circa tre mesi. Ed altre due interrogazioni dello stesso consigliere Serafino sono incentrate, una, sulla mancata applicazione delle indennità di espropriazione aumentate per altri 12,7 ettari di terreno destinati all’area industriale ed un’altra circa la mancata attestazione della verifica degli equilibri di bilancio nella delibera di approvazione del Bilancio di Previsione dell’8 settembre 2014.

Tra tanta carne al fuoco, ma si denota un certo silenzio da parte del consigliere Antonio Del Giudice. L’interrogativo sorge spontaneo: l’ex primo cittadino strianese ha forse intenzione di defilarsi presto dalla battaglia politica o sta per caso preparando una stoccata a sorpresa per i prossimi consigli?

consiglio rendina striano

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE