Nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto della prostituzione, a ridosso dei comuni di Pompei e Castellammare di Stabia, gli agenti del Commissariato di Torre Annunziata, hanno arrestato Mario Casamento, 30enne di Torre Annunziata, pregiudicato, perché resosi responsabile del reato di favoreggiamento della prostituzione.

A seguito di attività d’indagine, gli agenti, in appostamento all’esterno dell’abitazione, in via Plinio a Pompei, hanno bloccato, in due diversi momenti, due clienti mentre uscivano dall’appartamento dopo aver consumato un atto sessuale. Attraverso le loro prime indicazioni, sono riusciti ad entrare, fingendosi clienti, utilizzando la frase convenzionale «ho telefonato». Una volta all’interno, i poliziotti hanno sorpreso il 30enne, gestore dell’illecita attività nonché conduttore in fitto dell’appartamento ed hanno inoltre identificato tre transessuali in vesti di “escort” , tra cui E. S. L. di anni 34 che, in ragione della sua spudorata reticenza in ordine alla corresponsione di un corrispettivo per la prestazione sessuale offerta ad uno dei clienti controllato, è stato pertanto denunciato per favoreggiamento personale.

All’interno dell’abitazione, gli agenti hanno rinvenuto circa 600 profilattici e diversi giocattoli erotici messi disposizione dei clienti ed hanno sequestrato, due ricevute di pagamento riferite due mensilità di quest’anno, a testimoniare la riconducibilità dell’abitazione al 30enne in possesso, tra l’altro di un regolare contratto di fitto. I poliziotti hanno arrestato l’uomo che in giornata sarà giudicato con il rito direttissimo.

polizia prostitute