Tasse alle stelle a Terzigno, spuntano i manifesti dell’opposizione: «Aliquote al massimo»


159

Città invasa di manifesti a firma del gruppo consiliare “Scelta democratica” capitanata dai consiglieri comunali d’opposizione Aquino e Nappo. All’interno del manifesto hanno messo a conoscenza del vertiginoso aumento delle tasse applicate dal comune di Terzigno.



Nel consiglio comunale dell’8 agosto il sindaco facente funzioni Stefano Pagano e la maggioranza hanno approvato le aliquote inerenti, le tasse applicabili ai cittadini per quanto concerne la Tasi, la Tari, l’Imu, Cosap e l’addizionale Irpef. Dal 16 ottobre, tutte le tasse citate sono aumentate di oltre il 40% e scompariranno quasi per intero le detrazioni. Nello specifico si riportano i dati di ogni singola tassa. Per la Tasi è stata adottata l’aliquota del 2,5%, il massimo consentito. Per l’Imu è stata raddoppiata l’aliquota per i contratti di comodato ai familiari dal 4,6 si è passato al 7,0 per mille. Il costo invece da coprire per la tassa dei rifiuti è di 4.400.000,00 euro, una cifra enorme. Il gruppo consiliare d’opposizione “Scelta democratica” più volte durante i consigli comunali tramite Enzo Aquino aveva proposto la riduzione delle aliquote per non gravare eccessivamente sui bilanci familiari dei cittadini vesuviani, ma queste proposte non sono state accettate e si accusa l’ennesimo colpo per tutti, dalle famiglie ai pensionati passando per i commercianti.

Terzigno, dichiarano entrambi i consiglieri, è sull’orlo del baratro e per evitarlo occorrono delle scelte coraggiose e non più rinviabili, ha bisogno di amministratori competenti che guardino in faccia la realtà e si rimbocchino le maniche per il bene della comunità vesuviana.

Comune di Terzigno - Fonte: Web

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE