Sant’Anastasia, il sindaco Abete: «Ecco il bilancio dei miei primi 100 giorni»

57

Fare il punto dell’azione di governo dopo tre mesi di amministrazione può sembrare superfluo, ma per il sindaco Lello Abete è importante sia perché rientra nel programma di mettere il cittadino al centro, sia perché fare le prime valutazioni e, se necessario rilevare le criticità, permette di confermare la metodologia scelta e/o adottare i correttivi necessari.



«Ho incontrato in questi mesi tantissimi cittadini, sono stato sul territorio, insieme alla Giunta ed a tanti Consiglieri Comunali abbiamo puntato a rafforzare l’essere squadra, discusso ed affrontato tanti problemi ordinari e straordinari o imprevedibili, adottato atti importanti, sempre aprendoci al confronto con la politica e le parti sociali ed alle esigenze dei singoli. Sono stati – dice il sindaco Lello Abete – tre mesi di lavoro duri ed i prossimi mesi ci vedranno ancora molto impegnati, ma ciò è necessario in questa prima importante fase in cui una buona programmazione permette di mettere in atto le azioni future e riorganizzare l’Ente in funzione del programma elettorale, senza mai dimenticare di guardare al bene comune ed al disagio sociale, nonché alla tutela di ambiente e territorio». I riferimenti del sindaco sono chiari: presenza costante sul territorio dell’Amministrazione e dei funzionari e servizi preposti, attenzione alla raccolta differenziata, all’ambiente e al verde, una serie di incontri a vari livelli per affrontare e risolvere il problema inaspettato dell’ubicazione della caserma dei carabinieri, nomina dal nuovo Segretario Generale, approvazione programma delle opere pubbliche, approvazione del bilancio il 30 settembre scorso. Atti di governo della città che hanno riscontrato favori, critiche e prese di posizione contrarie affidate al web. Fare un punto dello stato dell’arte, è, quindi, per il sindaco anche un modo per fare chiarezza ai cittadini.

«Senza tener conto del mese di agosto, in cui comunque non abbiamo abbassato la guardia, abbiamo dovuto prima di tutto riprendere le redini della macchina comunale, provvedendo anche alla sostituzione del Segretario generale. Abbiamo tra l’altro – spiega il sindaco Lello Abete – dovuto approvare il primo Bilancio in una situazione critica, sia per la ristrettezza dei tempi, sia per le esiguità delle risorse, e nonostante questo la programmazione risulta ricca e organica, nella programmazione in conto capitale come nelle spese d’investimento per le opere pubbliche, nonché è a favore delle fasce deboli».

L’assessore al bilancio Armando Di Perna, infatti, nel redigere il bilancio di previsione 2014 ha inserito varie agevolazioni: “Sull’addizionale Irpef c’è una fascia di esenzione, che per la prima volta farà risparmiare l’intera tassa a più di 2500 nuclei familiari, cioè tutti i pensionati minimi e i soggetti percettori di reddito inferiore ai 10.000 euro. Sono esenti – dice Armando Di Perna – anche i redditi entro i 30.000 euro se aderiscono al regime dei minimi e i lavoratori che, percependo redditi bassi, compensano le partite in dichiarazione, in quanto di importo modesto. Altri interventi a favore delle fasce deboli sulle imposte sono il rimborso della prima rata Tasi e Tari, l’esonero dell’intera tassa sui rifiuti a chi adotta un cane dal canile comunale, ed a breve partiranno gli interventi a favore di chi differenzia i rifiuti portandoli all’isola ecologica».

«Ben vengano suggerimenti e critiche costruttive, ma – conclude il sindaco Lello Abete – resto sorpreso da certe dichiarazioni di chi è stato al nostro fianco in campagna elettorale per continuare a rilanciare il nostro territorio ed attualmente invece affida giudizi fuori luogo alle finestre del web. Mi aspettavo e aspetto tuttora il contributo prezioso di chi ha governato con me, nella passata Amministrazione; una partecipazione e/o un confronto posto in spirito costruttivo e collaborativo. La porta è aperta al dialogo».

Il sindaco Abete1

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE