È ancora Striano il comune dell’area vesuviana dove funziona meglio la raccolta differenziata. La piccola località ai confini con l’Agro fa infatti registrare quasi il 60% e segna però appena il 150esimo posto nella classifica regionale, guidata invece da Sassano – nel Salernitano – che scalza Casalvelino dal primo posto facendo registrare oltre il 92%.

Complessivamente l’area ai piedi del vulcano migliora rispetto alla graduatoria dello scorso anno e mediamente rasenta il 50% di suddivisione degli scarti, ad ogni modo ancora poco in confronto all’obiettivo regionale del 75%. Balzi significativi rispetto alla classifica di 12 mesi fa giungono da Nola, Palma Campania, Somma Vesuviana e San Giuseppe Vesuviano, tutte intorno al 55%. Ma a fare la graduatoria è il punteggio Ipac che raggruppa la percentuale di differenziata per il 2013, il numero di abitanti, la qualità della raccolta e le politiche ambientali.

L’unico Comune dell’area che non riesce a raggiungere il muro del 40% è Pompei, che si ferma al 39% e spiccioli risultando al 292esimo posto sui 358 Comuni totali e dove a chiudere la classifica ci sono Casal di Principe e Giugliano appena intorno all’1%. I dati riguardano quanto fatto segnalare nel 2013, dunque già nell’anno in corso potrebbero esserci state variazioni.

ricicloni