Quante volte, veniamo assaliti da un desiderio irrefrenabile di pizza? Ecco. Per evitare questo problema e realizzare il proprio desiderio, la vostra Lady vi consiglia due soluzioni: recarvi da uno staff di amici, capeggiati da Luigi Cippitelli, maestro dell’Arte della vera pizza napoletana, a San Giuseppe Vesuviano (Na), presso “Voglia di pizza” (unico aggettivo, per descrivere il loro lavoro: “sublime”), oppure, realizzare una ricetta ugualmente gustosa e genuina, a casa vostra. Nel caso vogliate cimentarvi tra le vostre mura… Afferrate il grembiule, che si parte! 🙂

LADY ROTOLO DI PIZZA CON SCAROLE

Tempo di preparazione: 30 minuti per impasto + 2 ore di lievitazione + 30 minuti di forno

Ingredienti, per due pizze

Per l’impasto
1 kg. di farina;
25 gr. di lievito di birra;
20 gr. di sale;
olio extravergine di oliva q.b.;
acqua q.b.

Per il ripieno
2 scarole;
20 olive nere di Gaeta;
origano secco selvatico q.b.;
20 capperi di Salina (Presidio Slow Food);
4 filetti di acciuga sott’olio;
sale q.b.;
pepe nero macinato fresco q.b.;
pecorino romano a pezzetti q.b.;
parmigiano reggiano D.O.P. grattugiato q.b.;
pinoli q.b.;
uva passa (per chi piace) q.b.

Preparazione

Sciogliete il lievito di birra in poca acqua tiepida; disponete su un tavolo di marmo (o in legno), la farina a fontana e versate nel mezzo il lievito, il sale e tre cucchiai di olio; impastate per circa 10-15 minuti, aggiungendo l’acqua necessaria ad amalgamare bene la pasta; una volta ottenuto un impasto omogeneo, disponetelo in un recipiente capiente e abbastanza alto e fate riposare per circa 2 ore, coperto da un panno di cotone in ambiente caldo, oppure nel forno precedentemente scaldato.
Durante il tempo di lievitazione, lavate e pulite le scarole e cuocetele in acqua; quando saranno cotte, scolate. In una padella-tegame antiaderente, versate due cucchiai d’olio e.v.o. e – a temperatura moderata – fatevi scaldare uno spicchio di aglio pulito e schiacciato; aggiungetevi le olive snocciolate ed i capperi e fate sfrigolare; poi, versate i filetti di acciuga e dopo pochi secondi, aggiungete le scarole bollite tagliate a pezzi e l’origano.
Fate cuocere per circa 5 minuti, avendo cura di girare gli ingredienti con un cucchiaio di legno.
Una volta pronto l’impasto (dovrà raddoppiarsi di volume), dividetelo in due pagnotte: una, vi servirà per la preparazione attuale; l’altra, potete anche congelarla, per la realizzazione di un’altra pizza, nei giorni seguenti, oppure realizzarne una seconda, raddoppiando gli ingredienti del ripieno.
Stendete il panetto con l’aiuto di un matterello, fino a fargli assumere la forma allungata di quello che sarà un rotolo; ungete di olio una teglia da pizza quadrata grande e disponetevi in senso diagonale, la base del rotolo; ungete anche questa, in superficie, con dell’olio e.v.o., salate e pepate. A questo punto, disponete lungo tutto il rotolo la scarola cotta (mi raccomando: estraete lo spicchio di aglio) ed aggiungetevi pezzetti di pecorino, pinoli, uva passa e terminate con una spolverizzata di parmigiano reggiano grattugiato.
Chiudete il rotolo, facendo combaciare i lembi dell’impasto, da tutti e quattro i lati ed infornate in basso, a 200°, per circa 25 minuti, in forno preriscaldato alla medesima temperatura. Gli ultimi 5 minuti, facendo sempre attenzione a non bruciare il tutto, passate il rotolo al grill.
Sfornate ed impiattate a fettine.
Buon appetito, dalla vostra Lady! Al prossimo giovedì!

pizza scarole ok