Rapinatori Vesuviani, Federico depistò le indagini: «I miei complici romeni ed albanesi»

313

Su di lui c’erano già stati sospetti l’indomani di una rapina a Palma Campania, così venne fermato dai carabinieri. Ma durante l’interrogatorio affermò di essere stato sul posto con dei complici albanesi e romeni per poi finire agli arresti domiciliari.



Ma le indagini, e le intercettazioni ambientali nella casa del 31enne di Boscoreale, Emilio Federico, hanno invece confermato la pista seguita dalle forze dell’ordine. Così sono scattate le manette intorno ai polsi dei 5 membri della banda. In arresto, oltre a Federico, sono infatti finiti Gerardo Porro, 33 anni, di Poggiomarino, incensurato; Salvatore Marra 37 anni, di Scafati, insieme al fratello Francesco Marra, 45 anni, di Scafati, entrambi con precedenti per rapina; Vincenzo Brancaccio, 43 anni, di Scafati, pregiudicato.

Emergono anche i soprannomi che Federico dava alla gang: Gerardo Porro era “o’campagnuol”; Francesco e Salvatore Marra erano i fratelli “ciccio e tore”; e Vincenzo Brancaccio era “o’zingaro”.

federico porro

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE