Poggiomarino, nel Puc tornano i “ponti” per evitare i passaggi a livello della Circum

126

La città non abbandona l’idea di ridurre il traffico aggirando i passaggi a livello della Circumvesuviana. E anzi, il progetto è inserito nel Puc che il Comune sta preparando attraverso la convenzione con il dipartimento di Architettura della Federico II di cui è responsabile scientifico il professore architetto, Carlo Gasparrini.



Non solo un impegno elettorale, insomma, ma un obiettivo reale che verrà illustrato nel prossimo incontro relativo al Piano Urbanistico Comunale in programma per giovedì 30 ottobre presso la sala consiliare in via XXV Aprile. A parlarne, intanto, è Anna Terracciano, architetto che si occupa del coordinamento operativo dei lavori del Piano: «Uno degli obiettivi del nostro progetto – spiega – è la strategia di maggiore accessibilità. Poggiomarino è infatti una località con tante infrastrutture, dove si contano 3 svincoli della Statale 268, due linee della Circumvesuviana e autostrade e Ferrovie non lontane. Ma a fronte di una dotazione esterna la città è invece caratterizzata dal fenomeno di congestionamento. Vanno dunque tracciati altri percorsi, c’è da “riammagliare” tanti punti interrotti appunto dai passaggi dei treni».

Nel progetto c’è inoltre anche il riutilizzo del Canale Conte Sarno, delle vasche di Pianillo e Fornillo oltre ad idee per itinerari da percorrere in bicicletta ed a piedi. «Il lavoro sta procedendo in maniera partecipata – spiega in tal senso il vicesindaco ed assessore al ramo, Giuseppe Annunziata – la nostra idea era quella di un Piano che tenesse conto dei pareri della cittadinanza e che prosegue con gli ultimi due incontri tematici».

passaggio livello

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE