Pesce avariato, assolto grossista nolano: incubo durato 4 anni


193

La sua azienda fu messa e ferro e fuoco poco prima del cenone di Capodanno del 2010: secondo l’Asl e le forze dell’ordine, infatti, conservava prodotti ittici avariati nei suoi banchi frigo. Ma dopo quattro anni di accuse e di aule giudiziarie ieri è stato assolto per non avere commesso il fatto, dunque una vittoria piena. A raccontare la vicenda è il quotidiano “Roma”.



Un incubo finito, dunque, per l’imprenditore di Nola, Salvatore Di Mauro, e la sua Jolly Fish, “visitata” tra Natale e Capodanno del 2010 dalle forze dell’ordine e dal personale Asl. Furono sequestrate ben 26 tonnellate di pesce tra congelati e freschi perché secondo gli operanti tutto era conservato in maniera promiscua con alcuni alimenti scaduti.

Ma in sede di dibattimento il commerciante è riuscito a fare emergere le proprie ragioni: non c’era infatti alcuna promiscuità ed i prodotto oltre la data di scadenza erano correttamente separati ed inseriti nei file di computer con l’etichetta “non vendibili”.

pesce terzigno

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE