«Crollo su villa Ranieri, è vilipendio di Stato»

81

«Il crollo della copertura di Villa Ranieri è il vero vilipendio». Parola del “Giornale d’Italia”, di Francesco Storace, ex governatore del Lazio ed ex ministro dello Stato, che punta il dito contro la gestione del sito archeologico di Terzigno. Appena una settimana fa, infatti, si è verificato il “tonfo” di una delle strutture dell’antica villa: mattoni e grossi pezzi di legno caduti sui reperti e che hanno finito per rovinarli.



E sulla vicenda il periodico di Storace, accusato di vilipendio e sotto processo per alcune sue frasi contro il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ci va giù durissimo. In un editoriale, infatti, gli uomini del numero uno di “La Destra” si chiedono quale sia il vero vilipendio: «Qualche parola contro il capo del Quirinale o invece mandare in rovina la storia del nostro Paese come accaduto a Terzigno?». La questione diventa dunque centrale dopo il clamore provato a suscitare da ambientalisti ed archeologi che avevano provato a salvare il salvabile contattando anche “Striscia la Notizia”. Le tre antiche ville a due passi da cava Ranieri, infatti, erano già finite nel mirino per le condizioni con cui erano conservate.

Coperte dall’eruzione del Vesuvio, infatti, tutto intorno è trasformato in una discarica, proprio accanto al sito archeologico già invaso pure dall’acqua. Poi il crollo che ha peggiorato la situazione sottolineando inoltre l’incuria del sito.

villa ranieri

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE