Un 26enne, D. G, originario dell’area vesuviana, è stato arrestato dagli uomini del nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Firenze che lo avevano fermato per un controllo mentre, a bordo di un’auto, percorreva viale Amendola a Firenze.

In una borsa aveva 2,1 chili di cocaina purissima. L’uomo, alla vista dei finanzieri, ha fermato bruscamente l’auto e, dopo aver nascosto qualcosa sotto il sedile, è ripartito velocemente dirigendosi verso l’autostrada. Quando i militari lo hanno fermato il 26enne non è riuscito a nascondere il suo nervosismo, contraddicendosi più volte nelle risposte e così i finanziari hanno deciso di perquisire l’autovettura trovando, sotto il sedile, la borsa con la droga. Il 26enne è stato quindi arrestato su disposizione del pm di turno, Giuseppina Mione, e condotto nel carcere fiorentino di Sollicciano.

Indagini sono in corso per accertare la provenienza della droga e la sua destinazione: una volta immessa sul mercato la cocaina avrebbe consentito il confezionamento di circa 32mila dosi per un valore di oltre 1.280.000 euro.

finanza