In un’aula gremitissima, ieri pomeriggio, ad Ottaviano presso l’Istituto Comprensivo, Amedeo D’Aosta, in via Cesare Augusto, sono stati ricordati in grande stile, due consiglieri comunali, due martiri della malavita: Pasquale Cappuccio, e Mimmo Beneventano, entrambi caduti  a seguito di un agguato camorristico, delitti tuttora impuniti.

Il primo avvenne, ad Ottaviano il 13 settembre del 1978: Cappuccio era in compagnia della moglie che in quella circostanza rimase ferita. Il secondo invece avvenne il 7 novembre del 1980, quando Beneventano era appena uscito da casa. A Beneventano il Comune di Ottaviano ha dedicato una strada e una scuola in via Lucci, mentre proprio ieri a Cappuccio è stata intitolata l’aula consiliare cittadina. In occasione dell’incontro pomeridiano hanno partecipato alla discussione Antonio D’Amore, Coordinatore Provinciale di Libera; Salvatore Micillo, deputato al Parlamento Italiano; Felice Picariello Consigliere Comunale di Ottaviano; Emanuele Ragosta, Consigliere Comunale di Ottaviano, Eduardo Ammendola.

Due grossi personaggi che sono stati sicuramente per gli ottavianesi un fulgido esempio di coraggio e amore per il proprio paese, pur non essendo nati ad Ottaviano: il loro  ricordo però, non deve mancare per una società migliore, per una società consapevole delle proprie forze, consapevole di  percorrere la strada giusta per sconfiggere un malessere del passato.

BENEVENTANO cappuccio