Scritte ultrà sulla facciata dell’asilo: estremisti di Poggiomarino “violano” l’infanzia


265

“Speziale libero”, “Daniele crepa” (riferito al romanista De Santis accusato di aver ammazzato Ciro Esposito), “Romanista infame”, “Maroni crepa” (l’ex ministro dell’Interno che sdoganò la tessera del tifoso), e fino all’insulto che fa più male: “Marisa Grassi put…”, una violazione terribile per la povera vedova di Filippo Raciti, l’ispettore capo della polizia rimasto ucciso negli scontri prima del derby Catania-Palermo del febbraio 2007.



Sono scritte comparse sulla facciata dell’asilo in via Roma a Poggiomarino e che questa mattina mamme e maestre si sono ritrovate davanti agli occhi al primo giorno di scuola per i più piccoli. Un tifo violento, gli estremisti che “raggiungono” Poggiomarino violando in qualche modo l’infanzia oltre che un edificio pubblico.

Non è la prima volta che in città compaiono scritte chiaramente di matrice ultrà, ma mai finora si era andati oltre alla stazione della Circumvesuviana e ad alcune pareti pubbliche: stavolta è stata calcata la mano, coinvolgendo i bambini.

ultrà (4)

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE