Polpette avvelenate al Rione Gescal: è strage di cani e gatti randagi


249

“Bocconi avvelenati”, è allarme strage di animali domestici al rione Gescal di Nola. Alcuni individui senza cuore e senza scrupoli, hanno disseminato le aree verdi del parco Gescal con polpette avvelenate, con l’obiettivo di “eliminare” quanti più randagi possibili. A dare l’allarme ed a riportare la notizia è il quotidiano “Roma”.



Decine di gatti sono morti, una vera strage di cui sono rimasti vittime anche due cani che erano in giro con i padroni. Alcuni residenti e l’associazione animalista “Lulù anima randagia”, hanno presentato denuncia contro ignoti e allertato le autorità competenti. Le forze dell’ordine stanno indagando per tentare di risalire all’identità di questi assassini di animali, intanto però gli animalisti hanno diffuso volantini e fatto girare avvisi su Facebook e sui siti di informazione locale, per allertare gli abitanti della zona a fare attenzione.

«Non portate a spasso i cani sciolti e non lasciateli girovagare da soli – allertano gli animalisti – prestate massima attenzione tra l’erba o in strada se annusano o leccano qualcosa. Se il vostro animale presenta sintomi come abbattimento, gli arti si irrigidiscono, inizia a salivare eccessivamente o a respirare con difficoltà, cade in preda a crisi convulsive, con vomito e diarrea, potrebbe aver ingerito qualcosa di avvelenato».

polpette avvelenate

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE