Poggiomarino, il pedofilo era scappato a casa della madre dopo il sequestro del suo pc


161

Credeva di farla franca allontanandosi da Vercelli, il 35enne G.T., accusato di pedofilia per avere abusato della figlia della compagna, che all’epoca dei fatti non aveva neppure dieci anni. A luglio, infatti, la polizia piemontese aveva sequestrato il pc della guardia giurata di Poggiomarino.



Un campanello d’allarme per l’uomo che si sentiva più al sicuro a casa della madre, nelle città vesuviana dove era nato e cresciuto prima di andare via poco dopo la maggiore età. Invece l’attività d’indagine ha permesso di mettergli le manette intorno ai polsi. La polizia di San Giuseppe Vesuviano ha infatti rintracciato “l’orco” a Poggiomarino.

Intanto l’ormai ex compagna del 35enne, una donna ucraina di 30 anni, e la figlia, sono state prese in cura dall’Asl Piemonte che sta cercando di fornire alla piccola tutte le terapie necessarie per superare il tremendo choc di violenze sessuali che si sono protratte per tre anni.

pedofilo

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE