L’Amministratore Unico della Sapna, Enrico Angelone, risponde al Comune di Boscoreale ed apre le porte dell’impianto al sindaco Giuseppe Balzano, che aveva lanciato un allarme in merito a miasmi ed esalazioni provenienti dall’ex discarica di Cava Sari. E la risposta sembra essere parecchio dura, quasi ai limiti dello scontro pur manifestando la massima disponibilità.

Angelone già nella giornata di ieri ha contattato telefonicamente il primo cittadino per mettergli a disposizione tutta la documentazione tecnica del sito in località Pozzelle, invitandolo ad effettuare una visita all’impianto accompagnato con quante persone vuole e nella data che preferisce.

«Abbiamo inoltre già girato al Comune una valida relazione con la quale si evidenziano le motivazioni tecniche secondo le quali non è possibile che tali presunti miasmi provengano dal sito in gestione della Sapna – fa inoltre sapere un comunicato stampa della società – Inoltre, a conferma di quanto detto, si comunica che dagli ultimi controlli effettuati ieri sera dai nostri tecnici, l’impianto è regolarmente in funzione e non risultano esservi esalazioni o miasmi».

Resta da dunque da capire da dove provengano queste esalazioni che i cittadini di Boscoreale e di Terzigno continuano a sentire e a denunciare. Nasce un nuovo spettro, insomma, di una ennesima discarica abusiva.

cava sari