Emergenza minidiscariche di “tal quale” davanti alle campane della raccolta differenziata. Un problema che a San Giuseppe torna ciclicamente e che vede aumentare i sacchetti in strada giorno dopo giorno, malgrado i tentativi vani di bonifica.

A denunciare, con tanto di foto a corredo di un documento, è il Collettivo Vocenueva che illustra lo scenario particolarmente grave in via Scopari, all’altezza del Palazzetto dello sport, ed in piazza Elena D’Aosta, non distante dal comando della locale polizia municipale. «Vanno non solo applicate quotidianamente tutte le opere di pulizia possibili, affinché il problema non ritorni – spiegano gli esponenti del gruppo consiliare di opposizione – ma inoltre è necessario che l’Amministrazione predisponga un controllo efficace su chi oggi preleva i rifiuti in città».

Insomma, nel mirino finisce ancora una volta il Consorzio Gema, la ditta che effettua la raccolta a san Giuseppe Vesuviano, che secondo il Collettivo dovrebbe rimuovere anche i rifiuti accatastati – incivilmente, è giusto sottolineare – in luoghi non previsti allo scopo. «Da aprile ad oggi – concludono i rappresentanti della minoranza – le azioni poste in essere dal sindaco e dalla Giunta non hanno sortito alcun effetto positivo».

rifiuti sangius