Sono ben 66 gli episodi “penalmente rilevanti” documentati con riprese audio-video nell’ambito dell’inchiesta della procura di Nola che ha portato ai domiciliari tre maestre con l’accusa di maltrattamenti aggravati.

Gli inquirenti descrivono “ripetuti attacchi fisici e verbali, con strattoni, spinte, schiaffi al capo e conseguenti ematomi e lividi, anche agli occhi”. E poi “insulti, imprecazioni, espressioni dispregiative”.

Tutto è stato registrato da telecamere nascoste che hanno permesso ai carabinieri di inviare un lungo dossier alla Procura che ha disposto i tre arresti.

violenza bambino