Ipovedenti e ciechi, a Sant’Anastasia un progetto per fare conoscere l’handicap a scuola


373

L’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti di Sant’Anastasia, con il presidente Giuseppe Fornaro, propone alle scuole ed ai Comuni della Provincia di Napoli un servizio didattico finalizzato a far conoscere agli alunni di età compresa fra 5 e 13 anni, l’handicap visivo, in tutti i suoi aspetti, attraverso l’esperienza diretta.



Il servizio è rivolto ad un gruppo di circa 20 alunni, appartenenti alla stessa fascia d’età, che saranno coinvolti in una serie di attività che facciano comprendere i limiti e allo stesso tempo tutte le potenzialità delle persone con disabilità. Ogni intervento è studiato a seconda della fascia d’età a cui è rivolto, ed è strutturato in vari step: 1) Brainstorming interattivo, finalizzato a capire quali sono le conoscenze pregresse relative al mondo dei non vedenti. 2) Brevi laboratori impostati soprattutto sul gioco per far conoscere il codice Braille, i problemi connessi all’orientamento e alla mobilità, l’utilizzo dei sensi vicari per la conoscenza della realtà, giochi sonori, olfattivi e del gusto. 3) Dimostrazioni pratiche relative all’utilizzo del computer da parte dei non vedenti e ipovedenti, e delle altre tecnologie, quali ad esempio smarthphone. 4) Giocare insieme con gli ausili tiflodidattici per far capire come molti strumenti usati per i non vedenti siano in realtà mezzi utili a tutti i bambini. 5) Leggere i libri tattili insieme al mio amico non vedente, anche in questo caso il libro che  non è soltanto guardato, letto ma anche toccato, può diventare un’esperienza da condividere insieme. 6) Panoramica su sport e giochi finalizzati all’inclusione delle persone con disabilità visiva.

Alla fine delle dimostrazioni ed attività varie verranno analizzati i risultati, e si concluderà con un breve dibattito che ha lo scopo di soddisfare ulteriori curiosità emerse durante l’esperienza. Tale progetto voluto fortemente dal rappresentante locale, Giuseppe Fornaro, ha molti obiettivi tra cui il principale è diffondere la conoscenza del mondo dei non vedenti per rendersi conto di come possano vivere la propria “normalità”, e di come relazionarsi nei loro confronti al fine di vedere la “diversità” non più con il solito sguardo pietistico, ma come una fonte senza fine di ricchezza interiore.

ipovedenti

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE


SHARE