Ha scelto Boscotrecase e le sue tradizioni culturali legate ai prodotti tipici locali. E tanto è stato sufficiente ad una ragazza giapponese e che vive a New York, per vincere il premio “La Grande Abbuffata” all’interno della manifestazione Malazè che si è tenuta nell’area flegrea. A riportare la notizia è il quotidiano online “Napoli Village” che alla kermesse ha dedicato un lungo servizio.

Noriko Sugiura, la regista nipponica, ha dunque puntato sul Vesuvio per dare sfogo alle sue pulsioni da regista e trionfare nel premio di cortometraggi dal tema enogastronomico. La sua mente e le sue telecamere si sono posate su “Zio Ninuccio” (al secolo Carmine Ametrano), parlando di una storia che intreccia il paese boschese, le radici di un tempo, i contadini e le tradizioni nella produzione del vino.

Un filmato di valore, premiato da una giuria di qualità composta da critici, giornalisti, attori e docenti universitari. All’interno anche un pizzico di malinconia con Zio Ninuccio che racconta i fasti di un tempo e le difficoltà di oggi, quando si trovano meno giovani pronti a seguire le tradizioni.

napoli village