Falso Made in Italy, i più “attaccati” nel mondo sono i prodotti tipici vesuviani

62

Dalla “Pomarola” del Brasile all’olio “Pompeian” del Maryland fino alla “Zottarella” venduta in Germania ma anche pelati San Marzano fatti in California, scamorza Salerno prodotta in Canada, salame Napoli del Nordamerica e addirittura il kit per fare in casa la mozzarella prodotto in Inghilterra, sono stati esposti pubblicamente dalla Coldiretti per denunciare l’attacco ai prodotti simbolo della dieta mediterranea.



Una “mostra degli orrori” dedicata alle più improbabili e pericolose imitazioni spacciati nei diversi continenti dai falsari della tavola nel mondo, allestita ad Acciaroli dove visse per circa 40 anni Ancel Keys, scienziato americano del Minnesota definito il padre della dieta mediterranea. A quasi quattro anni dall’iscrizione della dieta mediterranea nella lista del patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco si sono moltiplicati i casi di pirateria alimentare con la diffusione di prodotti che – sottolinea la Coldiretti – non hanno nulla a che fare con la realtà produttiva nazionale ma che utilizzano impropriamente nomi, immagini, colori e paesaggi per trarre in inganno i consumatori sul mercato mondiale.

falso-made-in-italy

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE