Ancora un crollo di cornicioni nel salotto buono di Napoli: succede in via Chiaia e stavolta a restare ferito è un ingegnere 36enne di Somma Vesuviana, Giovanni Sirico, che è ricoverato adesso all’ospedale Loreto Mare del capoluogo partenopeo.

Per fortuna il professionista non è in pericolo di vita ed ha parlato con il rappresentante dei Verdi della Campania, Francesco Emilio Borrelli, che è andato a fargli visita nel nosocomio: «Ho subito pensato al povero Salvatore Giordano», ha detto l’uomo all’ambientalista, riferendosi al 14enne che in estate è rimasto ucciso proprio da un crollo avvenuto all’intero della Galleria Umberto I.

La caduta di calcinacci si è verificata nella tarda mattinata, quando via Chiaia era affollata di persone che guardavano le vetrine e che passeggiavano lungo la via dello shopping. Al momento il tratto interessato è stato chiuso all’accesso con le classiche barriere arancioni. Insomma, poteva andare molto peggio all’ingegnere sommese ma anche al altri passanti.

crollo via chiaia