Blitz contro le “squillo” a Pompei: boom di denunce, c’è la prostituta che parlò con Grillo


164

Altro giro di vite nella città mariana contro la prostituzione davanti a Scavi e Santuario. A finire nella rete anche la “lucciola” che il 3 aprile fermò Beppe Grillo e chiese di poter regolarmente pagare le tasse per il mestiere più antico del mondo. Anche lei, infatti, è stata fermata dai carabinieri finendo nei guai.



In tutto, per vari reati, sono state denunciate 10 persone tra clienti e prostitute. Elisa P. originaria di Piano di Sorrento,la prostituta diventata “famosa” per il simpatico fuori programma con Grillo, ha per ben tre volte violato il foglio di via obbligatorio dal Comune di Pompei. Tra i denunciati in stato di libertà dai carabinieri, risulta anche L.I., romena di 34 anni, un transessuale di Napoli di 25anni, e L.M, polacca di 33anni, anche loro hanno violato per decine di volte il foglio di via da Pompei.

Altre tre “squillo”, inoltre, sono state segnalate perché stavano facendo sesso in auto con i rispettivi clienti a pochi metri dall’ingresso degli Scavi. I 6 sono stati denunciati per atti osceni in luogo pubblico.

Prostitute

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE