Ancora bengalesi a Palma, sigilli a 2 fabbriche: erano sporche e piene di clandestini


165

I carabinieri della compagnia di Nola, insieme ai colleghi del nucleo per la Tutela del lavoro, con la collaborazione del personale dell’Asl Napoli 3 Sud – servizio igiene e medicina del lavoro, direzione provinciale lavoro di Napoli, hanno eseguito un particolare servizio mirato alla tutela dei lavoratori, in particolare hanno ispezionato due opifici di Palma Campania, riportando d’attualità la questione bengalesi.



Il primo intervento in via Vecchia Sarno in un opificio tessile, dove è stato denunciato in stato di libertà il titolare, un 23enne del Bangladesh, sorpreso a impiegare alle proprie dipendenze due lavoratori stranieri irregolari. Inoltre la ditta era sprovvista dei requisiti di salubrità e sicurezza previsti per i luoghi di lavoro, e varie violazioni nello smaltimento dei rifiuti; sono state irrogate sanzioni amministrative per complessivi 85mila euro.

Il secondo caso in via Mauro, sempre in uno stabilimento di lavorazione dei tessuti. Qui è stato denunciato in stato di libertà il titolare, un 43enne bengalese, sorpreso ad impiegare due lavoratori stranieri irregolari. Sono state complessivamente irrogate sanzioni amministrative per 380mila euro, la sospensione dell’attività e il sequestro dell’opificio poiché non in regola con la documentazione prevista.

bangladesh

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE