Arriveranno sin da subito provvedimenti esemplari contro chi supera le vetture più lente sulla Statale 268 dei Paesi Vesuviani. Questo pomeriggio, infatti, è stato installato il primo “Sorpassometro”. Il dispositivo dotato di due telecamere intelligenti è stato posizionato tra gli svincoli di Terzigno-Poggiomarino e Poggiomarino-Boscoreale, all’altezza del territorio di Terzigno.

Il sistema consente di rilevare attraverso il segnale Gprs chiunque superi un altro veicolo laddove ci siano divieti e dunque strisce continue. Ad elevare contravvenzioni ed a prendere provvedimenti anche di carattere penale sarà un agente della Polstrada che periodicamente visionerà i filmati catturati dagli occhi elettronici. Il sorpassometro è attivo in entrambe le direzioni e si aggiunge ai quattro autovelox su otto – ma di cui solo due funzionanti – già precedentemente installati sulla “superstrada della morte”.

Il dispositivo elettronico gestito dalla Polstrada verrà piazzato prossimamente in tutti i punti in cui è vietato sorpassare, riuscendo a rilevare le infrazioni anche a distanza di alcune centinaia di metri. Un altro passo in avanti per provare a ridurre gli impatti mortali sulla Statale 268, un deterrente che quantomeno dovrebbe fare diminuire i sorpassi, la prima causa di gravi incidenti sull’arteria extraurbana.

sorpassometro