Morì, cadendo, per difendere il suo scooter da una tentata rapina: ora uno dei due malviventi, Luigi Minichini, 34 anni, torna in carcere per scontare una pena residua di nove anni per la morte di Paolo Avella che nell’aprile del 2003 morì pochi giorni prima di compire il suo 18esimo compleanno.

La tentata rapina, ad opera di Minichini e di un minorenne, avvenne a San Sebastiano al Vesuvio. Era uno studente liceale, Paolo, allora, quando all’uscita dalla scuola venne affiancato dai due. Paolo accelerò, perse il controllo e morì per una caduta dallo scooter. Questa mattina i carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata, con il supporto tecnico dei colleghi del reparto Anticrimine di Napoli, hanno arrestato Minichini: destinatario di un’ordinanza di carcerazione emessa dalla Corte di Appello di Napoli, appena venuto a conoscenza dell’esito si era reso irreperibile; era infatti latitante da giugno scorso.

Accusato di omicidio colposo e tentata rapina aggravata commessi nel 2003, è stato localizzato e bloccato in un’abitazione privata di via Suor Maria della Passione.

paolino