No ai roghi agricoli nel territorio di Ottaviano, norme severissime per i coltivatori che bruciano sterpaglie e fogliame oltre gli orari consentiti e che danno fuoco ai residui di verde in quantità che superano il limite di quattro metri per quattro: per i trasgressori sono previste multe fino a tremila euro.

Un’ordinanza importante sul tema degli incendi nelle campagne arriva dunque dal sindaco Luca Capasso, che vieta espressamente i roghi agricoli fino al 10 settembre, limitando l’azione degli agricoltori alle prime luci del mattino: esattamente dalle 5 alle 9 e soltanto per mini-incendi che non possono successivamente recare danno alla città ed al verde di Ottaviano: gli agricoltori dovranno poi monitorare attentamente il falò senza mai perderlo di vista per essere pronti ad intervenire qualora le fiamme dovessero pericolosamente propagarsi.

Il provvedimento si è reso necessario dopo le tante segnalazioni giunte dal territorio di lunghe colonne di fumo bianco innescate nelle campagne cittadine, un problema che riguarda buona parte del territorio vesuviano e nolano.

roghi agricoli