La Giunta ha approvato il bilancio di previsione 2014, nonostante sia intervenuta la possibilità di proroga, e per il sindaco Lello Abete è un deciso passo avanti fatto in pochi mesi, che, in attesa di sottoporlo al Consiglio Comunale, mette gli organi di governo in condizione di amministrare con maggiore serenità. «Potevamo aspettare settembre, ma ho preferito accelerare sul bilancio, approvando prima il piano delle opere pubbliche, di cui alcune partiranno entro ottobre, come ad es. la rotonda a via Pomigliano. Col bilancio approvato andiamo avanti spediti nella programmazione – dice il sindaco – ed oltre alle opere pubbliche, che faremo, abbiamo in cantiere molte novità, con attenzione alle scuole ed al disagio, come ho sempre detto. Un altro impegno per il futuro è quello di puntare ad approvare i prossimi bilanci entro i primi due mesi dell’anno, non voglio aspettare tanto prima di avere l’atto che permette ad un’amministrazione di essere operativa e di assegnare gli obiettivi con le relative coperture finanziarie. Credo che sia un primo segno di buona amministrazione».

«È il primo Bilancio e la prima programmazione della Giunta Abete. Un Bilancio sul quale gravano i sei mesi di gestione commissariale. Ma, in linea con il programma del sindaco – dice Armando Di Perna, assessore al ramo e vicesindaco – ho pensato a dare una prima importante impronta alla politica tributaria: in merito alla Tasi, slittata al 16 ottobre, abbiamo confermato l’aliquota ridotta all’1,5xmille, ma abbiamo previsto il rimborso dell’intera prima rata alle famiglie in difficoltà, così come annunciato in campagna elettorale. L’addizionale Irpef prevede poi, per la prima volta, una soglia di esenzione pari a 10.000 euro di reddito, che renderà la tassa nulla per un terzo dei cittadini anastasiani, tra cui tutti quelli che percepiscono pensioni minime. In tempi ristrettissimi, così come le risorse a disposizione, abbiamo messo su una manovra economica che tiene conto delle esigenze delle fasce più deboli della nostra comunità, in maniera anche più importante degli anni pregressi, partendo dalla tassa sui rifiuti, il cui peso viene ridistribuito a favore delle famiglie più numerose, e soprattutto viene resa meno gravosa per le attività commerciali, che vivono anch’esse un periodo di difficoltà importante. Con la prossima apertura dell’isola ecologica, metteremo a punto anche il sistema di premialità a punti, che vedrà i cittadini virtuosi avere finalmente un ritorno in termini di sconti sulla tassa in base alle quantità di rifiuti differenziati. Dal lato della spesa, si registrano una serie importanti di tagli, in particolare dei fitti passivi, già programmati con la amministrazione precedente. Resta alta l’attenzione per la cultura con una serie di iniziative, sia in collaborazione con le associazioni del territorio, sia promosse dal Comune in autonomia».

«A tal fine, ricordo che, dopo l’apertura della stagione estiva con la splendida serata di “notte di lettura”, agosto vedrà il nostro territorio ricco di serate teatrali, di cabaret e di cinema all’aperto, perché anche in questo mese Sant’Anastasia possa essere un paese “vivo” e attrattore. Ancora tanto sulle politiche sociali – continua – con interventi a favore di anziani, bambini e diversamente abili, e aiuti alle famiglie difficoltà, anche sotto forma di lavori occasionali presso l’Ente. Vogliamo ridare dignità agli individui più che offrire semplice assistenza, e in quest’ottica abbiamo già sperimentato con successo l’acquisto di beni o servizi invece che elargire contributi: dall’acquisto di libri di testo scolastici per chi è in disagio, ai servizi cimiteriali, dal trasporto al coprifosso. Rafforzeremo in termini economici e qualitativi questi interventi. Tanto altro ancora sarà previsto come spesa di investimento, in particolare con la riqualificazione degli ingressi alla città, la creazione di tre nuove aree di parcheggio e numerosi altri interventi di medio lungo periodo, che necessitano il coinvolgimento economico non solo di Regione e Comunità europea, ma anche, dove possibile e conveniente, di privati, secondo forme di partenariato che migliorano l’efficienza gestionale. Il palazzetto dello sport e il campo sportivo saranno presto oggetto di iniziative del genere».

abete e di perna