Si arricchisce di altri particolari la vicenda del finto prete trovato nel Santuario di Pompei con addosso un coltello lungo 24 centimetri. L’uomo, infatti, sarebbe un vero e proprio “sacerdote abusivo” e che avrebbe detto diverse messe in zona.

Particolare sgomento arriva da Boscotrecase, in particolare dalla parrocchia di Sant’Anna dove i fedeli parlano di don Gennaro, questo il nome del 49enne di Minturno, come di un religioso attento e particolarmente impegnato.

Tuttavia l’uomo era già stato segnalato in molti luoghi del Sud e addirittura il Vaticano aveva inviato foto segnaletiche ai Santuari.

carabinieri pompei