Prenderà ufficialmente il via domani sabato 16 agosto “Vesuviando – Arte e Cultura all’ombra del Vesuvio”: sede della prima tappa sarà Ercolano, dove la suggestiva cornice della Basilica di Santa Maria a Pugliano (Piazza Pugliano), farà da sfondo all’esibizione di Gianluca Capozzi.

Vesuviando taglia il nastro di partenza con l’artista alfiere del pop made in Napoli, che traccia nel sound il suo percorso stilistico dai parametri molto nitidi e distanti dai veterani della musica nata alle falde del Vesuvio, un’esibizione canora programmata per i festeggiamenti patronali della Madonna dell’Assunta. Un appuntamento, per Ercolano, che fa anche da apripista per la due giorni di eventi in programma in città a settembre, in concomitanza con la celebre festa della Madonna del Subacqueo; manifestazioni che hanno l’obiettivo principale di focalizzare l’attenzione sul grande patrimonio di tradizioni religiose-popolari, oltre che archeologiche che la città ercolanea offre ai turisti ed anche all’utenza locale, solitamente più distratta rispetto allo straniero. “Vesuviando – Arte e Cultura all’ombra del Vesuvio” si propone dunque di riscoprire e valorizzare quei tesori culturali già noti, ma che hanno bisogno di rilancio, quei beni culturali minori, costituiti da un patrimonio scientifico di rilevanza internazionale, connesso con l’attività della più antica istituzione al mondo nel campo dello studio dei fenomeni vulcanici (Osservatorio Vesuviano), e con un patrimonio immenso quanto poco conosciuto di tradizioni popolari ed eccellenze enogastronomiche e artigianali.

Un percorso a tappe, che coinvolge un ampio territorio della Regione attraverso peculiarità, attrattive ed eccellenze di un territorio, ricco di storia, arte, folklore e cultura, il cui denominatore comune è costituito dal Vesuvio. Un’iniziativa fortemente a tema con la linea di programmazione “La scoperta della Campania”, finanziata con i fondi FESR 2007-2013 dalla Regione Campania, con l’obiettivo di coinvolgere i territori mettendo in rete le città, attraverso sinergie artistiche, culturali e folkloriche, un’esigenza dettata dall’Unione Europea e accolta dall’assessorato al Turismo e ai Beni Culturali, presieduto dall’assessore regionale, Pasquale Sommese.

«Un progetto che sta dando i suoi effetti – afferma l’assessore Sommese – un progetto integrato che con le sue tappe fa riscoprire quelle bellezze di città come San Giuseppe Vesuviano, Ottaviano, Trecase, Ercolano e Pompei, un progetto che riesce anche a far vivere il territorio a quelle persone che non vanno in vacanza attraverso percorsi enogastronomici, culturali e canori. La Regione Campania – continua l’assessore – punta sul turismo, investendo sempre di più su servizi per i turisti, allestendo infopoint e logistiche informative, tali da permettere a colui che viaggia tutti i comfort e le informazioni in qualsiasi momento».

Capozzi