Aldo Gionta è stato individuato ieri sera a bordo di un’auto nell’area portuale di Pozzallo, in provincia di Ragusa, mentre si stava imbarcando su una nave diretta a Malta.

Il boss era in possesso di una carta d’identità falsa, 1.000 euro in denaro contante ed era accompagnato da 3 persone incensurate, un 23enne ed una 32enne di Torre Annunziata ed una 38enne di Sant’Antonio Abate. Dalle indagini dei militari dell’arma è emerso che Gionta, durante i suoi spostamenti, si camuffava con occhiali da vista e parrucche, arrivando anche a travestirsi da donna, per eludere i controlli delle forze dell’ordine.

Aldo Gionta, 42enne figlio del superboss ergastolano Valentino, è stato associato al carcere di Siracusa mentre gli altri 3 sono in attesa di rito direttissimo.

gionta