È stato positivo e interessante l’incontro promosso dal Pd della Campania guidata dai consiglieri regionali Petrone e Pica con il commissario del Consorzio di bonifica del Sarno-Setaro. È emerso un quadro complesso e articolato ma con potenzialità di futuro per gli oltre 200 lavoratori e per  restituire una funzione dignitosa ed utile ad una struttura spesso sinonimo di balzelli e sprechi.

Secondo il Pd «in questi anni si sono perse importanti occasioni e la Regione Campania con i suoi assessori appare incapace di assicurare un effettivo coordinamento degli interventi con indicazioni contrastanti tra uffici e uffici e con un colpevole e poco dignitoso balletto di responsabilità tra gli assessori regionali. È un gioco pesante sulla pelle dei cittadini, della loro salute e delle loro tasche e anche sulle tate professionalità presenti nel consorzio».

Sulla base degli elementi raccolti nel corso dall’intenso pomeriggio di lavoro il Pd produrrà le opportune iniziative in tutte le sedi istituzionali. Intanto accoglie positivamente la volontà del Commissario del consorzio Setaro di convocare un incontro con tutti i sindaci del bacino per costruire un raccordo permanente e come ha sottolineato il responsabile ambiente regionale  Calatola con l’obiettivo di aprire sportelli informati e punti di ascolto in ogni città. Il sindaco di Striano Aristide Rendina e il vicesindaco di Poggiomarino, Giuseppe Annunziata, hanno ribadito la necessità di garantire un’ordinaria manutenzione alla rete dei canali e al tempo stesso di avere un vero cronoprogramma delle opere per il disinquinamento superando i ritardi e le disfunzioni di Arcadis.

Il segretario del circolo di Torre Annunziata Passeggia ha ricordato che la regione e il Governo devono farsi carico immediatamente della semplificazione delle competenze sul ciclo delle acque e sulla manutenzione dei fiumi e dei corsi d’acqua. Ferrara dell’associazione Amici del Sarno ha ribadito la necessità di avvalersi dell’apporto dell’associazionismo e della cittadinanza attiva. Persico ha annunciato che l’iniziativa del Pd prosegue con incontri con la Gori e l’acquedotto Campano e la presentazione di un libro bianco di denuncia e di proposta.

grande sarno