Trentennale della morte di Eduardo, anche Ottaviano ricorda il grande artista

115

In occasione del trentesimo anno della morte di Eduardo de Filippo la città di Ottaviano, nella serata di ieri, in collaborazione con il Comune, nonché con la Archeottaviano, ha ricordato il grande attore ed autore, figlio naturale del commediografo Eduardo Scarpetta, attraverso alcune letture di poesie e brani, da parte della professoressa Liliana Borriello, Paola Zennaro, Maria Nappi, con il commento musicale di Michele Annunziata.



Nell’occasione è intervenuta la professoressa Marilina Perna, assessore alla Cultura di Ottaviano, che ha esordito subito dicendo che il grande Eduardo nel corso della sua vita ha evidenziato un realismo spietato e favoloso attraverso le sue opere ed è considerato uno dei massimi esponenti della cultura Italiana. «Ottaviano è una città nota per questo per cui è giusto ricordare la figura del grande attore, regista e poeta». L’evento si è tenuto all’interno del Chiosco D’Aosta, dove un numerosissimo pubblico presente ha apprezzato con scroscianti applausi la manifestazione a scopo culturale. In questo antico Chiosco ha soggiornato Giacomo Leopardi, nel 1837, venuto allora in visita al sacerdote don Raffaele Fiorillo, appartenente all’ordine dei padri Sacramentisti. È intervenuto anche il sindaco, Luca Capasso, per un breve saluto, molto compiaciuto di questa bella iniziativa culturali.

Nell’occasione, in qualità di ospite del pregevole evento, è intervenuto il tenore locale Aniello Sepe, (nella foto) che come ha  giustamente ha affermato il primo cittadino di Ottaviano, costituisce un’eccellenza del territorio. Il grande artista ottavianese ha iniziato il suo intervento con la celeberrima “Munastero e Santa Chiara,  per poi finire con “O sole Mio” in un’autentica standing ovation gli è stata tributata dal folto pubblico presente, a coronamento di una serata tutta da ricordare.

tenore Sepe

 

Vuoi restare sempre aggiornato sulle notizie della tua città? Iscriviti al nostro servizio Whatsapp CLICCA QUI PER SCOPRIRE COME FARE