L’airbag può uccidere i bimbi e la prova è quanto accaduto alla piccola Noemi: in tal senso il codice della strada dice che «i bambini non possono essere trasportati utilizzando un seggiolino di sicurezza rivolto all’indietro su un sedile passeggeri protetto da airbag frontale, a meno che l’airbag medesimo non sia stato disattivato anche in maniera automatica adeguata».

La normativa per i bambini fino ai 13 chilogrammi prevede l’uso di lettini che permettano di viaggiare sdraiati e che in nessun caso possono essere posizionati sul sedile anteriore in presenza di airbag inseriti sul lato passeggeri. Il posto più adatto per trasportare i bambini è il sedile posteriore, al centro se ci sono airbag laterali ma anche per evitare urti dovuti ad impatti lateriali.

Tornando all’airbag è semplice disattivarlo: molte auto hanno sul cruscotto, dalla parte esterna del lato passeggeri, un ingresso per la chiave che consente di bloccare il dispositivo. Le auto di nuova generazione hanno invece la disattivazione automatica attraverso un sensore che calcola il peso, quando il sedile passeggeri è vuoto.

I sediolini sono obbligatori per i bambini fino ai 18 chili di peso: dopo e fino ai 36 chili, possono bastare gli adattatori che sollevano i piccoli in modo da consentire l’utilizzo delle cinture di sicurezza.

noemi