Home Notizie Il sindaco Biancardi autorizza i roghi agricoli, scoppia la polemica degli ambientalisti

Il sindaco Biancardi autorizza i roghi agricoli, scoppia la polemica degli ambientalisti

Il comune dà l’ok ai roghi agricoli. Il sindaco Geremia Biancardi appena riconfermato nel suo incarico, ha firmato un’ordinanza con la quale autorizza la combustione del «materiale agricolo derivante da sfalci, potature e ripuliture», ponendo però delle condizioni: l’abbruciamento deve avvenire dalle 9 alle 13 nello stesso luogo in cui vengono prodotti i rifiuti agricoli, scarti che non devono superare ogni giorno i 3 metri per ogni ettaro di terreno coltivabile.

È previsto poi l’obbligo di spegnere i roghi dopo le 13, che devono essere sorvegliati – evidentemente a distanza, visto che il fumo in ogni caso non è salutare – e appiccati ad una distanza non inferiore a 100 metri dalle abitazioni. Nella stessa ordinanza poi si autorizza ad utilizzare i soffiatori nei periodi di non siccità e i macchinari automatizzati per la raccolta delle nocciole a una distanza non inferiore ai 200 metri dal centro abitato. Il provvedimento revoca quello precedente, con cui invece si stabilì il divieto assoluto di dar fuoco ai rifiuti agricoli, giustificando questo cambio di rotta con la modifica apportata al testo unico sull’ambiente con un dl di due settimane fa, con cui si è data la possibilità di incenerire modiche quantità di resti derivanti dall’attività agricola rappresentati proprio da sfalci e potature e da altri residui derivanti da ripuliture.

A fronte del provvedimento, insorge anche in questa occasione l’associazione “Forum Ambiente Area Nolana” che con una lettera ha chiesto al prefetto Donato Cafagna di imporre il divieto sugli incendi boschivi ed agricoli. Cafagna proprio nei giorni scorsi per tale questione aveva incontrato il procuratore di Nola, Paolo Mancuso. Gli ambientalisti sono preoccupati per il fenomeno che nel periodo estivo opprime il territorio prima e dopo la raccolta delle nocciole, quando spesso ai rifiuti agricoli vengono aggiunti rifiuti speciali che, con la combustione, finiscono per dar vita a roghi tossici.

Exit mobile version