Discutono duramente, praticamente litigano: sono sindaco e parroco. E succede a Pomigliano, che diventa come Brescello, “culla” dei film di Don Camillo da sempre in lotta con il sindaco “Peppone”. Ma in questo caso non è una pellicola, bensì la realtà.

Tutto sembra trovare una spiegazione con l’impianto di digestione anaerobica che si prevede di costruire in città. Il parroco don Peppino Gambardella si è infatti schierato con i cittadini che non intendono ospitare l’impianto. Una scelta che ha scatenato la rabbia del primo cittadino Lello Russo arrivato ad accusare il sacerdote di “vendere i sacramenti”.

Lo spunto arriva dalla denuncia di alcuni cittadini che parlano di bollettini precompilati rilasciati dalla parrocchia di San Felice in Pincis. Insomma, una storia che avrà certamente seguito.

Peppone e don Camillo