La giunta comunale di Ottaviano ha approvato il bilancio di previsione. Ora lo strumento finanziario passa in commissione, poi toccherà al consiglio comunale l’approvazione definitiva. «Abbiamo adottato misure importantissime, siamo riusciti ad abbassare le tasse e a definire una serie di iniziative per le fasce deboli, per i giovani, per gli anziani, per chi è in cerca di lavoro. Si tratta di risultati molto concreti, frutto dell’impegno del sottoscritto, dell’intera giunta, dell’assessore al bilancio e vicesindaco Virginia Nappo e dei consiglieri comunali», dice il sindaco Luca Capasso.

Sul piano fiscale le misure adottate sono numerose: La Tasi viene fissata al 2,3% per tutti e all’1% per chi è titolare della pensione sociale minima, mentre le categorie della Tari (l’ex Tarsu, cioè la tassa sul servizio di raccolta di rifiuti) passano da 7 a 13 e per tutte vengono abbassate le aliquote. Spiega ancora il primo cittadino: «Per la Tasi, la media di altri Comuni sta intorno al 2,5%. Noi siamo riusciti ad abbassarla e a trovare anche il modo di favorire i titolari di pensioni minime. Con la nuova gara per la raccolta dei rifiuti, poi, abbiamo diminuito i costi di gestione del servizio, passati da 3,2 milioni di euro a 2,6 milioni, e abbiamo recuperato centinaia di migliaia di euro con il materiale destinato ad essere riciclato. Insomma, siamo riusciti a far quadrare i conti in modo da evitare di vessare i cittadini e le famiglie. In un momento storico difficilissimo e nonostante i continui tagli ai Comuni, gli ottavianesi pagheranno meno tasse».

Altre interventi rilevanti, invece, riguardano l’economia del territorio e le politiche sociali: nasce ad Ottaviano una zona franca sperimentale (per la quale sono stati stanziati i primi 30mila euro) che prevede agevolazioni a commercianti ed esercenti. Sarà stilato un apposito regolamento con il quale verranno definiti i criteri ed i requisiti per accedere alle agevolazioni. Aumentano, poi, da 8mila a 12mila euro i fondi destinati ai voucher lavori e vengono stanziati 25mila euro per il contrasto alla povertà (anche in questo caso sarà stilato un regolamento per l’accesso ai fondi). Vengono, inoltre, stanziati 6000 euro di aiuti per l’acquisto di farmaci a chi non può permetterselo, 4000 per gli anziani e 8000 per borse di studio universitarie agli studenti ottavianesi. Nasce, poi, una card per under 30 e over 65 che permetterà acquisti a prezzi scontati nei negozi convenzionati e calano i costi dei diritti di cancelleria per le carte d’identità.

Chiarisce Capasso: «Sono soltanto alcune voci di un bilancio pensato solo ed esclusivamente per il bene dei cittadini e per lo sviluppo del territorio. Si tratta di una svolta per la nostra città: i risultati saranno visibili e tutti beneficeranno delle misure adottate. Questo bilancio è la dimostrazione che la politica può fare molto se davvero si mette al servizio dei cittadini».

ottaviano caldoro