Scritte, graffiti e persino simboli fallici sui nomi dei cittadini sommesi che hanno perso la vita mentre combattevano. Un oltraggio durissimo per la memoria di Somma Vesuviana e anche per l’intero Paese. Il “raid” è avvenuto la scorsa notte ed ha destato sdegno e preoccupazione.

Sulla vicenda è intervenuto il vicesindaco, Gaetano Di Matteo, che ha postato le immagini sui social network, lanciando l’idea di scendere in piazza per ripulire il movimento con il sostegno dei cittadini: «Bisogna assolutamente lavorare sul senso civico dei giovani cittadini affinché comprendano il vero valore delle istituzioni e dei suoi simboli». Di Matteo poi prosegue: «Perché non ripuliamo il nostro monumento ai caduti noi cittadini per dimostrare che il senso civico vince sul vandalismo?».

Una proposta che potrebbe avere seguito poiché il vicesindaco sta lavorando con l’assessore all’Ambiente cercando di attuare un’iniziativa che possa coinvolgere la popolazione e che naturalmente cancelli l’oltraggio compiuto probabilmente da ragazzini contro i caduti.

monumento somma